Il lupo e l’agnello

Il lupo e l’agnello: favola di La Fontaine che insegna come sia inutile discutere coi prepotenti

Il lupo e l’agnello è una favola di Esopo, ripresa da Fedro e raccontata in rima da La Fontaine. Questa storia per bambini con animali come protagonisti ci mostra come, a volte, sia inutile discutere con chi vuole avere ragione a tutti i costi. Con certe persone (dei veri lupi!), le buone parole non servono, allora è meglio lasciar perdere e, nel caso, scappare a gambe levate!
Ascoltiamo e leggiamo la favola Il lupo e l’agnello in questa versione inedita per bambini.

Il lupo e l’agnello

Un agnello stava bevendo tranquillamente alle acque di un ruscello, quando, dall’alto di un masso roccioso, vide il lupo.

il lupo e l'agnelloUn po’ spaventato, cercò di non farci caso e continuò a bere, ma il lupo attaccò subito bottone.
Si trattava di un lupo magro come un chiodo, che non mangiava da tre giorni come minimo. Il digiuno lo rendeva ancora più feroce e già si pregustava quel tenero agnellino.

“Ehi tu!”, gli urlò dall’alto della rupe. “Tu mi inquini l’acqua! PUAH!” E così dicendo, sputò via un getto d’acqua, come fosse amaro veleno.
Il mite agnellino rispose educatamente: “Signor Lupo, questo non è possibile. L’acqua che beviamo arriva prima a te, che a me”.
Questo in effetti era vero: l’acqua sgorgava dalla sorgente sulle montagne, scendeva fino alla rupe, dov’era il lupo, e solo dopo arrivava fino all’agnello.


Ma il lupo non voleva sentire ragioni, e continuò: “Io dico che me la inquini! E anche l’anno scorso venivi a darmi fastidio e a parlare male di me!”

il lupo e l'agnello

“Questo non è possibile”, protestò l’agnello spaventato. “Sono nato da pochi giorni. L’anno scorso ero ancora nei sogni di mia mamma!”

il lupo e l'agnello“Grrrr”, ringhiò il lupo, sempre più spazientito. “Se non sei stato tu, era uno dei tuoi fratelli!”
“Ma se sono figlio unico”, ribatté l’altro. “Non ho fratelli, né sorelle”

“Sai che ti dico? Che non ci vedo più dalla fame!”, disse il lupo rabbioso. “Se non era un tuo fratello a inquinarmi l’acqua, sarà stato tuo padre, tuo cugino, uno zio, forse, tuo nonno o un parente alla lontana. E per punizione, ora ti mangio in un sol boccone!”.

il lupo e l'agnello
Pronunciate queste parole, fece un potente balzo dalla rupe per acciuffarlo. L’agnellino iniziò a correre a perdifiato e per un soffio ce la fece a scampare dalle grinfie del lupo!

Tornato al sicuro a casa, dalla sua mamma, disse di aver imparato la lezione: “Mamma, ho capito che è inutile discutere con i prepotenti. Quel lupo voleva avere ragione tutti i costi, perché cercava una scusa per mangiarmi!”
La prossima volta, sarà meglio che l’agnello corra subito a casa, senza sperare di convincere chi è già certo delle sue intenzioni.

Morale della favola Il lupo e l’agnello

La favola di Esopo insegna che è inutile dare tante spiegazioni a chi non ha orecchie per ascoltarle, ma solo denti aguzzi per mangiucchiare!


Se questa storia per bambini con morale ti è piaciuta, leggi anche le altre favole di La Fontaine presenti sul sito di Leggimi Ancora!

[Voti: 19    Media Voto: 2.7/5]
Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...

Lascia un commento

Comment
Name
Mail
Website